Come scegliere la misura e il modello giusto per le mie pazienti?

A oggi non esiste ancora uno strumento o un mezzo affidabile per determinare al primo tentativo e in tutta certezza il pessario giusto per una determinata paziente. È necessario procedere per tentativi, con un metodo cosiddetto “per tentativi ed errori”.

È quindi fondamentale organizzare una consulenza con la paziente per procedere alla prova di uno o più pessari in base all’esame effettuato e alle informazioni comunicate dalla paziente, alla quale occorre porre domande relative alle sue aspettative, alla sua volontà/capacità di gestire il pessario quotidianamente, alla sua attività sessuale ecc.

Ad esempio, non si deve prescrivere un pessario cubico  a una paziente che non desidera o che non è in grado di rimuovere e reinserire il pessario ogni giorno autonomamente. Lo stesso vale per un pessario Donut  che non è assolutamente indicato per una paziente sessualmente attiva, a meno che questa non sia in grado di rimuoverlo e reinserirlo da sé.

Clicca  qui sopra  per avere maggiori informazioni sul protocollo per la prova e la prescrizione del pessario.

Quanto dura una consulenza di prova dei pessari?

La consulenza di solito è molto veloce e il primo pessario che si prova è normalmente quello giusto. A volte però può capitare che sia necessario provare diversi pessari e in questo caso la consulenza può durare fino a mezz’ora.

L’esperienza insegna che in media occorre provare 3 o 4 modelli per trovare quello giusto (di solito nelle misure più comunemente prescritte).

Quanti pessari di prova occorre avere in ambulatorio?

Disporre delle misure più comunemente prescritte (tra 57 e 89 mm) è sufficiente a coprire circa l’85% delle pazienti.

Qual è la procedura di disinfezione e/o sterilizzazione dei pessari di prova?

Ci sono due opzioni per decontaminare i pessari usati nelle prove sui pazienti:

  1. Sterilizzazione in autoclave
  2. Disinfezione a freddo + guaina protettiva durante il test

Per una procedura dettagliata, clicca qui.

Per la disinfezione a freddo, abbiamo selezionato il kit di disinfezione Tristel, che potete ottenere sul nostro sito web.

Quali lubrificanti sono compatibili con i pessari?

Per l’inserimento e la rimozione del pessario si consiglia di utilizzare esclusivamente gel lubrificanti a base d’acqua. I gel lubrificanti a base di olio, silicone o vaselina possono infatti danneggiare il pessario e sono meno tollerati dalle mucose.

Perché è importante che il pessario sia in silicone?

Il silicone medico è il materiale meglio tollerato dalle mucose anche durante contatti prolungati per diversi mesi e, a differenza del lattice e della plastica, non scatena reazioni allergiche o irritazioni. Inoltre, non essendo poroso, il silicone non assorbe né favorisce la proliferazione microbica sulla propria superficie.

La sua morbidezza e flessibilità rendono il pessario molto confortevole da portare.

Il silicone dura molto più a lungo del lattice o della plastica (fino a 5 anni, rispetto ai 6 mesi del lattice o della plastica).

Infine, il silicone può essere sterilizzato in autoclave.

Ho prescritto un pessario a una paziente che mi ha chiamato qualche giorno dopo per dirmi che il pessario non è quello adatto. Cosa devo fare?

Può capitare che il pessario scelto durante la consulenza di prova del pessario non sia quello più adatto, se causa ad esempio fastidio, se cadeOccorre avvertire la paziente che questo può succedere. Nella stragrande maggioranza dei casi, la paziente impiega massimo 48 ore per rendersi conto che il pessario prescritto non è quello adatto a lei.

Bisognerà quindi programmare una nuova consulenza per capire cosa non funziona come dovrebbe, e prescrivere un nuovo modello o una nuova misura di pessario dopo aver effettuato altre prove e tenendo conto delle difficoltà riscontrate dalla paziente con il pessario precedente. In linea generale, questa seconda consulenza è molto più rapida e semplice della prima.

Come posso aiutare le mie pazienti a familiarizzarsi con il pessario e a gestirlo facilmente?

Mettiamo a disposizione delle pazienti consigli, trucchi e guide per aiutarle a utilizzare il pessario serenamente: qui

Enfin, nous vous encourageons à apprendre à vos patientes, en consultation, à manipuler elles-mêmes leur pessaire. Cela permet non seulement de valider le choix du modèle de pessaire, notamment en fonction de l’autonomie de vos patientes, mais également d’optimiser l’adhésion au traitement et d’augmenter la sérénité de vos patientes lorsqu’elles se lancent une fois chez elles.

Infine, consigliamo di insegnare alle pazienti a gestire autonomamente il pessario. Questo non solo ti permette di prescrivere il modello di

pessario più adatto, in particolare tenendo conto dell’autonomia della paziente, ma anche di ottimizzare l’adesione al trattamento e darle una maggiore tranquillità una volta che è tornata a casa.

Découvrez nos formations pessaires !

Nous organisons régulièrement des ateliers théoriques et pratiques pour aider les professionnels de santé qui le souhaitent à se familiariser avec les pessaires et à proposer des consultations adaptées à leurs patientes. Ces ateliers sont animés par un professionnel de santé spécialisé.